Articoli

Raccolta di articoli, opinioni, commenti, denunce, aneddoti e racconti, rilevati da diverse fonti informative.

Avvisi e Notizie

Calendario degli avvenimenti; agenda delle attività; episodi di cronaca, notizie ed informazioni varie.

Galleria

Scatti “amatoriali” per ricordare gli eventi più significativi. In risalto volti, paesaggi, panorami e monumenti.

Iniziative

Le attività in campo sociale, culturale e ricreativo ideate e realizzate dal Circolo “Palazzo Tenta 39” (e non solo).

Rubrica Meteo

Previsioni del tempo, ultim’ora meteo, articoli di curiosità ed approfondimento (a cura di Michele Gatta)

Home » Documenti Storici

Preghiera dell’Ardito, di Aniello Gatta

13.10.2017, La segnalazione di Giampiero Palmieri

Prima guerra mondiale: canzone scritta e cantata per gli Arditi, gruppo speciale di assalto,  da Nello Gatta (originario di Bagnoli Irpino???*), professore di storia e seguace dell’Arditismo.

Preghiera dell’Ardito – Aniello Gatta….

***

prima-guerra-mondiale-arditi-truppe-d-assalto-specali

***

E’ partita una tradotta che ha svuotato le galere
Con destinazione Sdricca, battaglioni Fiamme Nere
Siamo Fiamme Nere, Arditi, per voi solo farabutti
Ma gli Arditi non si arrendono se non son morti tutti
La preghiera nostra è acciaio che nel sole alto scintilla
Santa icona un drappo nero dove un teschio bianco brilla
Raccogliamo dall’altare il pugnale consacrato
Per averlo tante volte tinto di sangue croato
Siam tutti comunicati con un’ostia tricolore
Più del Paradiso è premio la Vittoria per chi muore
Al di là delle trincee splende il nostro Paradiso
Ci scagliamo oltre la morte con due bombe ed un sorriso!

*

Siamo gentaglia, gentaglia, gentaglia siamo noi!
Siamo gentaglia, gentaglia, non siamo come voi!
Siamo gentaglia, gentaglia che lotta e muore, noi!
Brava gente che diserta e che tradisce, quello siete voi!

*

Contro munite trincee all’assalto ci scagliamo
con frate nostro pugnale e sora bomba nella mano
Con un grido che è un ruggito, “A noi!”, voliamo nella battaglia
Mentre sgrana il suo rosario sora nostra, la mitraglia
Cantando andiamo all’assalto con pugnale e bombe a mano
Siam felici di morire sopra un candido altipiano
Tra le rade macchie d’erba che innaffiamo di vermiglio
Affrontiamo vita e morte con identico cipiglio
E rimbomba il nostro passo se all’assalto ci scagliamo
Siamo fiamme dell’inferno siamo venti di uragano
Fiamma Nera splende alta su nel cielo della gloria
Rugge in terra nell’assalto e divampa nella storia

*

Siamo gentaglia, gentaglia, gentaglia siamo noi!

_______________

Sara’ di origine bagnolesi l’autore di questo canto??????
La fonte di questo canto qual è? …. il periodo storico?

_______________

(*) Chiunque abbia delle notizie attendibili sulle origini di questo autore, lo preghiamo di contattarci scrivendo a redazione@palazzotenta39.it

                                                                                                       

Lascia un commento!

Devi essere logged in per lasciare un commento.